SPAZIO BIANCO

video - link

Siamo una realtà così piccola!
Più in profondità,

siamo perfettamente
coscienti
che a nessun monastero

potrebbe bastare una
ragion d’essere
proveniente dall’Ordine.
Ciò che è primario
è la chiamata di Dio
che provoca a nascere
come comunità,
qui e ora.

frère Christian De Chergé

La nostra Comunità

Siamo un monastero dell’Ordine dei Predicatori (più comunemente conosciuto come Ordine dei Domenicani) fondato da san Domenico nel 1216.
La nostra comunità è tra le ultime fondazioni, infatti, a novembre del 1999 siamo partite da due monasteri domenicani, per dare inizio a questo nuovo monastero.
Nel corso degli anni siamo cresciute di numero, alcune sorelle ci hanno preceduto nella casa del Padre e altre si sono aggiunte a noi.
In questi mesi la nostra comunità si è arricchita di due sorelle anziane – sr. Teresa e sr. Maria Chiara – rimaste sole nel Monastero di Montefiore dell’Aso. Da marzo hanno chiesto di far parte della nostra comunità che le ha accompagnate in questi ultimi tre anni, sostenendole nelle fatiche e nella speranza. Sono stati anni in cui è cresciuta la fiducia e la comunione e si è aperta una prospettiva di futuro per loro. A fine agosto sr. Teresa è mancata e da inizio novembre sr. Maria Chiara è venuta a vivere con noi.

Una comunità piccola e giovane

Questa consapevolezza ci aiuta a rimanere nella nostra verità:
chiamate a lasciare che Dio si prenda cura di noi.

Inviate a testimoniare che il Signore vuole poter amare ciascuno.
Non siamo testimoni di noi stesse,
ma di LUI che fa meraviglie con la nostra vita, nella nostra debolezza.
Siamo in un cammino di misericordia; in cammino per diventare discepole.

Persone che cercano di vivere in ginocchio davanti a Lui, per il mondo.

 

Che cosa ci ha spinto a fondare una nuova comunità?

Una forte PASSIONE
Per Dio e la sua Parola che non è una dottrina,
ma ci dice quello che il Signore vuole fare per noi, nella nostra vita.
Per la persona umana e il suo bisogno più profondo.
Per la verità: chi è Dio per me, chi sono io per Lui, chi siamo noi senza di Lui.

Una intensa LUCE
La certezza dell’amore di Dio che ci ha chiamate in questa vocazione, ed è fedele.
L’appartenenza all’Ordine domenicano, un Ordine la cui spiritualità ha al centro
L’Incarnazione, cioè la solidarietà con gli uomini e delle donne del proprio tempo.

Un grande SOGNO
Vivere una comunione profonda tra noi:
“vi riconosceranno come miei discepoli da come vi amerete”.
Divenire spazio ove Dio possa dimorare e diventare sorgente di vita per molti.
Essere luogo di accoglienza, “porto aperto” per chiunque è in ricerca.

Tutto questo attingendo alla Sorgente che alimenta la vita di tutti.

Bisogna fare il vuoto e il silenzio e lasciare che Dio lo abiti; attendere che Dio si riveli.
Bisogna chiudere gli orecchi (ai rumori) per aprire gli occhi e vedere i segni di Dio nella nostra vita, nella realtà intorno a noi.

Il monastero è il luogo dove non si può assolutamente sfuggire
alla domanda finale di ogni vita umana.

Noi possiamo testimoniare che è vero!