SPAZIO BIANCO

video - link

APOSTOLA DEGLI APOSTOLI

Maria Maddalena ha l’onore di essere la «prima testis» della risurrezione del Signore, la prima a vedere il sepolcro vuoto e la prima ad ascoltare la verità della sua risurrezione. Cristo ha una speciale considerazione e misericordia per questa donna, che manifesta il suo amore verso di Lui, cercandolo nel giardino con angoscia e sofferenza.
Nel giardino della risurrezione annunciò la Vita da un sepolcro, luogo di morte. Ed è proprio nel giardino della risurrezione che il Signore dice a Maria Maddalena: «Noli me tangere». È un invito rivolto non solo a Maria, ma anche a tutta la Chiesa, per entrare in una esperienza di fede che supera ogni appropriazione materialista e comprensione umana del mistero divino. Ha una portata ecclesiale! È una buona lezione per ogni discepolo di Gesù: non cercare sicurezze umane e titoli mondani, ma la fede in Cristo Vivo e Risorto!
Proprio perché fu testimone oculare del Cristo Risorto, fu anche, per altro lato, la prima a darne testimonianza davanti agli apostoli.
Adempie al mandato del Risorto:

«Va’ dai miei fratelli e di’ loro…
Maria di Màgdala andò ad annunciare ai discepoli: “Ho visto il Signore!”
e ciò che le aveva detto» (Gv 20,17-18).

In tal modo ella diventa evangelista, ossia messaggera che annuncia la buona notizia della risurrezione del Signore; o “apostola degli apostoli”, poiché annuncia agli apostoli quello che, a loro volta, essi annunceranno a tutto il mondo.
Ella è testimone del Cristo Risorto e annuncia il messaggio della risurrezione del Signore, come gli altri Apostoli.
Perciò è giusto che la celebrazione liturgica di questa donna abbia il medesimo grado di festa dato alla celebrazione degli apostoli e che risalti la speciale missione di questa donna, che è esempio e modello per ogni credente nella Chiesa.

Liberamente tratto da un articolo di S.E. Mons. Arthur Roche,
Segretario della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti

torna indietro
alla pagina IL NOSTRO NOME